A chi posso rivolgermi per segnalare problematiche legate all’utilizzo dei prodotti fitosanitari?

a cura del Dott. Giuseppe Marrone

La vigilanza sul corretto utilizzo dei fitofarmaci in agricoltura compete principalmente al Dipartimento di Prevenzione della ASL territorialmente competente.

La regolamentazione relativa all’utilizzo di prodotti fitosanitari nei centri urbani o nelle vicinanze di centri abitati è di pertinenza dei Comuni, pertanto i cittadini possono rivolgersi al Comune d’appartenenza per richiedere informazioni sull’esistenza e l’applicazione di norme locali.

Gli agricoltori sono comunque tenuti a rispettare le normative nazionali vigenti e ad adottare precauzioni di carattere generale a salvaguardia della salute degli operatori e di terzi.

Qualora si riscontrino evidenti violazioni alla normativa è possibile rivolgersi alla ASL competente per territorio oppure alle forze dell’ordine generalmente deputate al controllo sul territorio: Polizia Municipale, Corpo Forestale dello Stato, Carabinieri del Comando per la Tutela dell’Ambiente o del Comando per la Tutela della Salute.

Riguardo al sistema dei controlli in materia di fitosanitari, il Servizio Sanitario Nazionale si avvale di vari organismi a livello centrale e locale per le attività di vigilanza.

A livello territoriale, per l’attività di controllo ufficiale operano le Regioni, con i servizi dei Dipartimenti di Prevenzione degli Assessorati alla Sanità e delle AA.SS.LL., ed i Comandi dei Carabinieri per la Tutela dell’Ambiente e per la Tutela della Salute.

Nell’ambito di tale sistema per il Controllo ufficiale degli Alimenti, predisposto dall’Assessorato regionale alle Politiche della Salute su indirizzi Ministeriali ed Europei, l’ARPA esercita esclusivamente attività di controllo analitico in laboratorio, attraverso il Laboratorio Chimico del Polo di Specializzazione Alimenti, per la verifica dei quantitativi di fitosanitari contenuti negli alimenti e della rispondenza ai LRM ( Limiti Massimi di Residui) definiti da Regolamenti Europei.(Reg. 396/05 e s. m. i).

Condividi